Home

res house pain

Se cambi casa e non ti trovi bene lì dove sei finito, che cosa fai? Se resti chiuso in camera?

1. Grace Cathedral Park
2. Down Through
3. Katy Song
4. Mistress
5. Things Mean a Lot
6. Funhouse
7. Take Me Out
8. Rollercoaster
9. New Jersey
10. Dragonflies
11. Mistress (Piano Version)
12. Mother
13. Strawberry Hill
14. Brown Eyes

1. GRACE CATHEDRAL PARK (Grace Cathedral Park)
Un raro sole rovente risplende
Su Grace Cathedral Park.
Lì, assieme a te, ho paura di quel momento
In cui l’aria si fa buia.
Di solito non passo giornate come questa, lo sai –
Rapito da momenti perduti di gioventù, momenti che mi mancano.

Sento quasi il suono di montagne russe,
Vedo barche a vela sul mare.
Sento urla e rumori
Penetrare suoni felici, da carillon,
Come ago che attraversa tessuto.

Ma qua, a terra,
Siamo lontanissimi da tutto questo.
Per noi, il tempo è invecchiato.

Abbiamo camminato giù per la collina.
È come se percepissi
L’inizio del calare del sole
E so per certo
Che non sarai mai quella giusta per me.
Sono i momenti proibiti che viviamo
A far ardere la nostra triste fuga
E a racchiudere passione, più di quanto le parole possano spiegarlo.

Dimmi, perché ti comporti così?
Lo fai con tutti?
Salvami dalla mia malattia e dimmi,
Dimmi, perché ti comporti così?
Dimmi, perché ti comporti così?
Lo fai con tutti?
Salvami dalla mia malattia e dimmi,
Perché ti comporti così?
Perché ti comporti così?

2. IN TUTTO QUESTO (Down Through)
Fragile, ho camminato pigramente giù per la collina.
Il vento ha soffiato forte, forte su di me.
L’ho immaginato – il tuo corpo, bianco come un fantasma,
Mentre faceva l’amore con me.

Ho camminato giù per la collina.
Ti ho trovata che piangevi al davanzale.
Ecco il ponte dei desideri che abbiamo perduto:
Voglio vederlo ancora una volta prima di andarmene.

Sento ancora, sulla mano, una sensazione pungente
Da quando ti ho colpita.
Tengo una tua foto al sicuro e in ordine, in un santuario,
E spero che col tempo, col tempo, col tempo

Avremo una casa in riva al mare
Che possa essere come una doccia per l’anima, lavare via la violenza
Che mi scorre nel sangue,
Che prosciughi il dolore che ti ho causato
In tutto questo.

3. LA CANZONE DI KATY (Katy Song)
Una qualche fuga, una qualche porta da aprire:
Questo sentiero sembra il più nero
Ma è anche il primo che vedo.
E so che là, in una radura,
Indosserai
Il tuo giovane sorriso di dolore
E mi saluterai con la tua mano.
Non posso seguire il mio cuore ora
Che non riesco a capire cosa c’è dentro.
Pensavo saresti venuta a trovarmi
Ma, per qualche ragione, non è stato così.
Senza di te, la mia vita vale come
Il vetro sul marciapiede sotto la mia scarpa.

Un ultimo sonno,
Nessuna parola dalla mia bocca
Tagliente al tuo orecchio, o
Tesi pizzicotti cattivi
Dalle mie dita al tuo viso amareggiato,
Quel viso che non posso guarire.
So che domani
Sarai
Da qualche parte, a Londra,
E vivrai assieme a qualcuno.
Là hai una sorta di famiglia
Con cui puoi stare:
Ed è più di quello che io avrei mai potuto darti.

Una possibilità di calma,
Una speranza di libertà –
Uno sfogo dal mio freddo regno solitario,
Lungo la foresta dei nostri giorni di primavera,
Quando te ne sei andata
E hai lasciato una parte di me a sanguinare,
Vuota e preoccupata,
A guardare l’acqua,
In silenzio, in un angolo,
Insensibile, a fallire.
Senza di te, che valore ha la mia vita?

4. PADRONA (Mistress)
Il leggero colore di questa stanza,
Filtrata dalla luce del sole,
Non si mescola col nero
Dell’angelo della morte – incombente.

Ne ho avuto abbastanza
Di pestaggi brutali e di insulti
E mi sono perso in questo letto
Ferito internamente, eternamente.

Le tue lodi, i piccoli doni che compravi coi tuoi soldi
E con cui mi riempivi
Non sono serviti a nulla.
L’attenzione di cui ho bisogno è qualcosa di molto più serio.

Una sorta di peso che non sei riuscita a sollevare
Anche se da quello dipendeva la tua carriera da quattro soldi.
Non sei abbastanza misteriosa per essere,
Per essere la mia padrona.
Per essere la mia padrona.

5. LE COSE SIGNIFICANO TANTO (Things Mean a Lot)
La discesa di una scalata.
I miei piedi non riescono a risalire la collina
Fino alla cima, dove si nasconde casa tua.
Domani, lei verrà:
Lei a cui ho giurato fedeltà per poi tradire,
Lei che ha preso il tuo posto, nel letto, accanto a me.

Minaccia di uccidermi
E nulla di tutto questo importerà più niente, o verrà mai alla luce.

Ti fa paura sapere che
Non guarderemo lo stesso sole
Né coveremo gli stessi pensieri
Nella stessa parte del mondo.

Mi fa paura il fatto che, invecchiando,
Ci si dimentichi l’uno dell’altro.
Mi fa paura il fatto che, invecchiando,
Ci si dimentichi l’uno dell’altro.

Quando succedono, le cose significano tanto.
Più tardi, non significano nulla.
Quando succedono, le cose significano tanto.

6. CASA DEGLI SPECCHI (Funhouse)
Il peso mi è caduto addosso,
Come una parte del cielo.
E la vita è un inferno quando la passi a rialzarti da terra.

Alza la tapparella e lascia entrare la luce del giorno,
Smettiamola con questo grigio che si fa aria,
Con questi toni oscuri della nostra casa a Chinatown.

Vedo nuvole di pioggia dalla finestra,
Si muovono dietro il pallore del suo viso accigliato.
Mille specchi da circo non riuscirebbero a farle cambiare espressione.

Siamo noi i veri pagliacci,
E il sole splende raramente per noi.
E quando splende per noi, e quando splende per noi,
E quando splende per noi, e quando splende per noi,
E quando splende per noi…

7. PORTAMI FUORI (Take Me Out)
Quel suono viene da quei buchi:
Una voce che si solleva e porta via con sé le mie ferite
A livelli sconosciuti.

Se solo potessi portarmi fuori
Invece di farmi rientrare
In una relazione che non riesco a capire.
Se solo potessi portarmi fuori
Invece di farmi rientrare
In questo mio corpo che sta morendo dentro.

La tua anima esce da quei buchi:
Musica per questo momento pazzesco.
Quando la tua macchina si è schiantata
Il tuo fantasma ha forse trovato pace
E vi si è attorcigliata insieme?

Se solo potessi portarmi fuori
Invece di farmi rientrare
In una relazione che non riesco a capire.
Se solo potessi portarmi fuori
Invece di farmi rientrare
In questo mio corpo che sta morendo dentro.

8. MONTAGNE RUSSE (Rollercoaster)
Ecco le mie montagne russe preferite,
Lì accanto all’acqua azzurra.
L’unica su cui salgono le fighette.
Ecco il sole
Che cala
E crea quel bagliore fluorescente
Che mi ricorda che non sarò mai capace
Di vivere ancora questa giornata
Se non nei ricordi.

Ci sono quei grandi pesci latranti
Nel torrente di cemento –
Ruggiscono in cerca di cibo per cani,
I loro occhi morti, gonfi, luccicanti.
Ma dov’è papa?
E dov’è mamma?

Sembra proprio che d’ora in poi
Ci saremo solo noi due.
Sembra proprio che d’ora in poi
Ci saremo solo noi due.

9. NEW JERSEY (New Jersey)
Sei una ragazza americana:
Capelli rossi, occhi vuoti.
Vivi in una lentiggine sul viso del mondo.

Un’altra ragazza morente che ha imparato troppo e troppo presto:
Non sei brava come tua mamma, ma sei già morta.
Sei già morta, il New Jersey non è il mondo intero.

Quale dei tuoi colpi hai usato?
Ventinove anni, con tuo figlio
Che non ti dà nulla e si mangia quello che resta della tua giovane anima.

Un’altra scintilla morente che è bruciata troppo velocemente e troppo presto.
Non sei cattiva come tuo padre, ma sei già morta.
Sei già morta, il New Jersey non è il mondo intero.

Non lasciarmi qua fuori troppo a lungo.
Ti va di portarci anche me?
Non lasciarmi qua fuori troppo a lungo.
Ti va di portarci anche me?

Sei una ragazza americana:
Fuori luogo e fuori tempo.
Vorresti la parte principale, quella che la tua infanzia da due soldi si è portata via.

Una madre stanca e bloccata nel suo letto rovinato dall’amore.
Non sei brava come tua mamma, ma sei già morta.
Sei già morta, il New Jersey non è il mondo intero.

Non lasciarmi qua fuori troppo a lungo.
Ti va di portarci anche me?
Non lasciarmi qua fuori troppo a lungo.
Ti va di portarci anche me?

10. LIBELLULE (Dragonflies)
È la prima volta che ne parli
Nella tua casa di magia nera,
In una soffitta fredda e umida.
Due finestre ci fissano, come fossero occhi.
Dietro di loro,
Il buio di dicembre, il cielo del primo mattino
E un paio di alberi morti,
E stelle ornamentali.

Pensavo di essere ormai riuscito a capire come funziona la tua testa.
Fino ad ora, pensavo di essere riuscito a capire come funziona il tuo corpo.
E allora, ti prego, aiutarmi a capire.
Ti amo più di chiunque altro.

E mi chiedo in quali campi, oggi,
Tu stia inseguendo libellule, come in un gioco.
Mia piccola ragazza perduta, così lontana…

È la prima volta,
È la prima volta che ne parli.

11. PADRONA (VERSIONE AL PIANOFORTE) (Mistress (Piano Version)

-Vedi sopra-

12. MADRE (Mother)
Com’era la strada:
Fioca e inquinata.
Così mi sono sentito quando mi sono sentito
Avvolto dall’aria, che sembrava
Nebbia grigia diluita.
Così mi sento quando ho addosso un respiro.
Una testa nefasta ha parlato: “Non sei poi così bravo”.
Tristemente, la scrofa ha scherzato.
A pezzi, ha borbottato parole.

Voglio avere una madre.
Voglio che tu stia attenta
Al mio ombelico.
Madre,
Voglio
Forcine, infilate nelle orecchie.

E annegare via i giorni infiniti,
Liberarmi presto dei miei problemi,
Incastrato, caldamente accigliato,
In un sogno impuro e sbagliato,
Ancorato al fondo con una sirena
In un mare calmo e silenzioso.
Mi adesca con il suo sale,
Un canyon liquido sotto di noi.
Mia madre, mia salvatrice,
Con il suo tocco di Dea,
Passa una mano per i miei capelli.

13. STRAWBERRY HILL (Strawberry Hill)
Li sento
Parlare nella stanza accanto.
Stanno bevendo, iniziano
A perdere il controllo e ad alzare la voce.
Perdono il controllo, alzano la voce.
Si chiedono che cosa io stia facendo.
La sento:
Mescola il ghiaccio con un dito.
Arrivati a questo punto, ha quello
Sguardo mezzo morto negli occhi.
Si preoccupa per me.

“Lui non è come questa gente,
Come questi ragazzi:
Non dice nulla, resta
In camera sua e ne ha paura.
Come ha paura di guidare,
Da quant’è triste.

È nostro dovere,
In quanto persone rispettabili.
È nostro dovere,
In quanto californiani,
Mostrargli una nuova vita.”

Da quando sto qua
Faccio incubi.
Smettila di mangiare cavolo,
E smettila di parlare a quella ragazza.
Come sono gli inverni, qua?

Zitto e suona il pianoforte.

Ma vi ho detto quanto la amo?
“Sì, ma sei un acquario
E lei è un capricorno.
Vieni, vieni a conoscere
I tuoi cugini di Los Angeles.”
Zitti, lasciatemi solo.

“Sappiamo chi sei.
Ti ho letto la mano
Mentre stavi dormendo.
E ho letto il tuo diario,
E sapevamo già
Di tutto quello che credevi di tenerci segreto.
Vediamoci a cena,
E forse domani andremo a bere qualcosa
E ne parleremo.
Nel frattempo, per favore,
Pensa a tutte le cose buone
Che abbiamo fatto per te.

È nostro dovere,
In quanto persone rispettabili.
È nostro dovere,
In quanto californiani,
Mostrargli una nuova vita.”

14. OCCHI CASTANI (Brown Eyes)
Dimmi: prenditi il tuo tempo.
Libera la mia anima.
Ferma in un attimo questo momento di calma.
Fammi stendere sul tuo terreno silenzioso.

Capisco perché
I tuoi occhi sono stanchi
Di queste case stanche e di questi alberi stanchi.
Vedo dolore in quegli
Occhi castani.
Fuochi che bruciano nel cielo d’autunno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...