Home

dads

Costruiamo qualcosa insieme? Sì. Ma sul serio? Sì. Sicura? Sì. (Stiamo a vedere, ma avrò sempre i brividi comunque vada.)

1. SE LA TUA CANZONE HA NEL TITOLO LA PAROLA “SPIAGGIA” ALLORA NON LA ASCOLTERÒ (If Your Song Title Has the Word “Beach” in It, I’m Not Listening to It)
Diamo acqua alle piante anche dopo che muoiono,
Perdiamo tutto il tempo che abbiamo come idioti
A voler tagliare angoli circondati da coperte di nebbia
Con gli occhi chiusi, a gridare il tuo nome a nessuno.
Qua da qualche parte c’è un racconto dell’orrore
Ma siamo troppo apatici per trovarlo.
Possiamo fare una lista dei nostri difetti
E farla abbastanza lunga da poter dare la colpa ai nostri genitori.
Perché non riusciamo a darci la colpa?
Tu, solo tu puoi cambiare te stesso.

2. ANDIAMO IN SPIAGGIA (Get to the Beach)
Una volta mi guardavi mentre guidavo
Ma adesso tutto quello a cui stai attenta
Sono quante uscite mancano per arrivare a casa tua.

Non dovrebbe sembrare così una forzatura
Non prendermi male ogni volta che sento il tuo nome
Dato che te ne sei andata dalla casa che avevamo costruito
E sei da qualche parte a scopare qualcun altro.

Una puntura d’ape permanente nella mia gola.
Non riesco mai a riprendere fiato.
Non è giusto che mi dobbiate dire di tirarmi su.

3. ONESTAMENTE, DOMANDE E RISPOSTE CHROMA (Honestly, Chroma Q&A)
Mi soffermo su cose che mi spezzano il cuore,
Ci penso e ci ripenso finché non mi metto a bere e ribere.
È la parte di me con cui mi sento più a mio agio:
La parte di me che mi lascia dormire.
Mi soffermo su cose per spezzarmi il cuore da solo
Perché non potrebbe fregarmene meno di un cazzo dei miei pensieri.

Continuo a sperare che il mio cervello, il mio cuore e il mio stomaco la smettano.
Non darmi del codardo quando dico queste cose:
Sii solo orgogliosa che non mi vergogno di me stesso.
Sii solo orgogliosa che non sono come te.

4. OOH, DAI RAGAZZI (Aww, C’mon Guys)
Se questo è uno scherzo
Allora dove sta la tua battuta?
La discriminazione non è divertente
Ed è sempre più difficile trovare il tuo pubblico.

“Ci stiamo solo divertendo.”
Sì, l’ho già sentita da qualche parte.
È umorismo basato sullo shock.
Quando ottieni solo silenzio, ci provi un’altra volta.

Bé, qua non sta ridendo nessuno.
Apri la mente e le orecchie,
Vai oltre ai tuoi amici, pensa a dove possa spingersi ogni parola,
Pensa a come ti vedono gli estranei, è questo quello che vuoi mostrare di te?

C’è qualcosa di più del tuo cerchio,
Ci sono persone che non hai mai incontrato.
Guarda quello che stai proiettando,
Gli esempi che dai.

Non provare a dirmi che cos’è il punk
O qual è la tua visione di punk
Se è così che rimarrai,
Allora la tua scena avrà una divisione all’interno.

E allora i tuoi eroi,
Le persone che adori?
Se sentissero quello che dici
Ti ascolterebbero ancora?

Che cosa penserebbero i tuoi idoli?

5. GEMELLI DI MERDA (Shit Twins)
C’è un cassettone
Di pelle, con dei cassetti
Pieni di fotografie di trombe marine
Che escono dall’oceano per entrare nella terraferma
Dove una volta vivevi.
Tanto tempo fa,
Quando eri più giovane.
Prima
Che imparassi a sperare, volere o desiderare.

Ci fu un momento in cui il tuo passo si fece insicuro.
E lo diventava sempre più
Ogni volta che avevi dei frammenti di proiettili
Sotto i piedi.
C’era un nodulo che ti cresceva sotto la pelle,
Un’aggiunta d’orgoglio
Al tuo deserto appena scoperto.

Ma ancora peggio è
Il futuro che immagini,
Il futuro che causerai,
Il futuro che ti va perfettamente bene.
Potrei restare qua a star male
Ad aspettare una risposta,
Potrei restare ad aspettare di aspettare qualsiasi cosa
Ed è una cosa che ti va perfettamente bene.

È da un po’ che sei fuori dal mio appartamento
Con la bocca spalancata, e non ne ho ancora sentito abbastanza.

Dimmi, dimmi Miranda:
Dove ti immagini domani?
Ti chiedi ogni mercoledì
Quando la settimana è quasi finita
Dove dormirai?
Dove dormirai?

Il tuo rifugio è il Missouri di maggio
E io continuo ad insistere per tagliarmi la lingua.

È da un po’ che sei fuori dal mio appartamento
Con la bocca spalancata, e non ne ho ancora sentito abbastanza.

Non parlerò
Dell’incidente
Perché se nessuno ne parlerà mai
Allora la storia non si accorgerà mai che c’è stato
E se nessuno ne scriverà mai
Nessuno potrà mai leggerne
Se nessuno ne parlerà mai
Nessuno potrà venirne a sapere.

Conosciamo le verità
Che stanno dietro ad ogni passo rotto?
Solo se vengono raccontate,
Dimenticate quando sono vecchie,
Indesiderate e fredde.
Non c’è alcuna storia da raccontare.

(Diremo)

Ci diremo
Di incontrarci in una qualche stanza d’hotel,
Sia d’alta classe o sia pagata all’ora,
E ci vorremo bene, ci consoleremo l’un l’altra
Come facevamo ai nostri tempi,
Dirai che sarà come ai vecchi tempi
Ma non saranno i cazzo di vecchi tempi,
No, non saranno i cazzo di vecchi tempi.
Solo adesso, con le nostre parti rotte,
I nostri pezzi abusati e strappati,
Ci chiediamo se sarà meglio di prima?
Sarà meglio di prima?
Ringrazieremo la pratica che abbiamo fatto con gli altri
O verrà macchiata da quello stesso pensiero?
Sarà meglio di prima?
Sarà meglio di prima?

6. LAVORO DI GRUGNITI (IL SUONO DEL ’69) (Grunt Work (The ’69 Sound))
Sono diventato bravissimo a passare fossati inciampando,
Così tanto che sto iniziando a cadere in buchi.
Quando sei così giovane e pieno di vita
Non ti ricordi mai di darti degli obiettivi.

7. TWERK INGUINALE (Groin Twerk)
Un giorno sarai sposata
E non dovrai sentirti sporca
A comprare test di gravidanza da
Minimarket assieme alla tua migliore amica.
Oh, un tempo ero io il tuo migliore amico.
Camminavamo per le corsie a scegliere nomi di bambini.

Ieri ho trovato delle foto di te, in mutande,
Facevi un dito medio a tua madre e mandavi affanculo tuo padre.

C’è una bandiera appesa sulla mia porta,
C’è una felpa per terra.
C’era una volta un tempo in cui mi amavi
Ma sappiamo entrambi che quel tempo è passato.

Ma ne eri sicura?
Bé, ne sei sicura?

8. UN GROSSO SACCHETTO DI PANINI (Big Bag of Sandwiches)
Non lo chiamerei nemmeno “un lavoraccio”.
Sì, ho sanguinato un po’,
Ma mi lascia sempre un po’ di calore, per quello che vale.
Ho passato quasi tutta la Florida a cazzeggiare,
Ad annegare in vecchi amici e suoni bellissimi, a cantare.

Così come gli alberi,
Le amicizie fioriranno.
Posso anche andarmene adesso
Ma presto tornerò.

La mia casa ha le ruote,
O almeno è così che mi sembra.

Così come gli alberi,
Le amicizie fioriranno.
Posso anche andarmene adesso
Ma presto tornerò.
Ricorderò i vostri sorrisi
Dalle scie di luce sui vostri visi.
E ce ne sono ancora così tanti
Anche adesso che sta calando la notte.

Alla fine avevi ragione
(E non mi dispiace.)
Alla fine avevi ragione.

Sangue, sudore e lacrime:
Ecco quello che mi sta tenendo qua.

9. CALOZIONE DA PIFFANY’S (Bakefast at Piffany’s)
L’amore sbianca
Lenzuola
Perché non siamo mai riusciti ad aspettare.
L’amore cerca
Piedi nudi
E telefonate da altri stati.

L’amore era
Le persone a cui volevamo bene.
Un tempo l’amore
Era amato.

Ti dimentichi ancora
Di lavarti i denti
Perché sei troppo presa
Al mattino?
I tuoi occhi che si scrostavano,
I pori che si aprivano,
Il cambio nel ritmo del tuo respiro che ci svegliava.
Adesso c’è solo aria fredda,
Nessuno steso al mio fianco.
Do un’occhiata al telefono
E torno a dormire.

Dormo in un letto e in una casa che abbiamo costruito
E sono rimasto solo, il tuo profumo sulle federe dei cuscini.
Cambio posto ai mobili per dimenticare gli errori che ho fatto,
Copro i muri tentando di creare
Qualcosa che mi farà dimenticare chi sei diventata,
Qualcosa che mi farà dimenticare quello che hai perso.

E adesso do nuovi significati
A oggetti inanimati.
Sto provando a sentirmi meglio,
O almeno a fare respiri più lunghi per ammazzare il tempo:

Conto i secondi,
Conto i battiti cardiaci,
Conto i messaggi,
Conto le risposte che non arrivano.

Le persone che amavamo
Ci fanno male
E ci inventiamo scuse
Per convincerci che dovevano farlo,
E che va tutto bene,
E che non volevano farci male.
Ma perché?

Inizierò a fare quello che voglio fare.
Inizierò a comportarmi da egoista.

10. PESANTE AL TOCCO (PENSA A STASERA, DIMENTICA IL DOMANI) (Heavy to the Touch (Think About Tonight, Forget About Tomorrow)
Ti prendi un po’ di tempo lontano da casa
E il tempo si allontana da te.
Ho detto di essere in cerca di me stesso
Ma in realtà stavo scappando da tutto.

Un nuovo diploma,
Un pezzo di carta
Con una cornice d’ebano
Da appendere più tardi.

(Oppure ci sono)

Le tue parole cattive,
Sussurrate nel mio orecchio.
“Stavolta è stata divertente,
Ma questo non è più il posto che fa per te.”

In camera tua
Con quelle facce di estranei
Sotto ai tuoi vestiti,
Nei tuoi posti privati.

Infilerò le mie radici nella strada con tutta la forza che ho
Perché stasera non tornerò indietro.

E lo farò da costa a costa, finché il mare non mi annoierà.
Trasformerò la terra in racconto, le fotografie come ricordi,
E continuerò finché non mi riconoscerai più.
Finché non mi riconoscerai più.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...