Home

NoBluesPack

La mia schiena si è spezzata in due mentre portavo in spalla la bara al funerale della mia vita sentimentale.

1. For Flotsam
2. What Death Leaves Behind
3. A Portrait of the Trequartista as a Young Man
4. Cemetery Gaits
5. Glue Me
6. As Lucerne/The Low
7. Avocado, Baby
8. Let It Spill
9. The Time Before the Last Time
10. Selling Rope (Swan Dive to Estuary)

1. PER I DETRITI (For Flotsam)
Ginocchia si urtano e
Il sangue scorre,
Voglio che tu sappia che…

Dici di essere una vecchia cassetta a cui si è srotolato il nastro
Ma assomigli molto di più a un vecchio tubo di cartone sul pavimento del bagno di questa discoteca.
Mi ascolti attentamente mentre descrivo la mia solitudine:
L’ultimo paio di pali di porta è stato superato, l’estate di un anno dispari.

Lei dice, “Se sei infelice, devi trovare una cura”.
Bé, mi prescrivo un’altra birra, oltre a questo non so che fare.
Potrebbe non essere la migliore, è il buco nella mia difesa,
Ho fatto uscire dall’area il mio portiere e lei è il catenaccio.

Detriti galleggianti, carico perduto in mare e schiuma di onde: ecco tutte le ragazze che ho amato.
Sono stato messo sulla Terra da uno spendaccione, assieme a quegli angeli dorati.
Ho visto Dio in bagno, l’ho battezzato con il mio vomito,
L’ho abbracciato attorno alla tazza e ho detto, “È la morte! Ne ho abbastanza”.

Ginocchia si urtano e
Il sangue scorre,
Voglio che tu sappia che lo voglio.

Poi mi ha detto qualcosa che mi è rimasto in testa:
“Siamo la loro Capel Celyn1, e devono trovare un modo per non bagnarsi le pantofole
Per empatizzare con i Tory2, per mandare inviti ora che sono malati.
Sarebbe più sicuro fare i bagagli e andare in vacanza ad Eyam3“.

Ti porterò dove il sole splende e getta ombre sul tuo viso.
Mi intrufolerò nei loro recessi più reconditi fino a congelare o a disidratarmi.
Lo vivremo e lo respireremo in tempo reale, i montaggi sono per i morti,
Il mio cuore sta ancora facendo Fosbury e ne ha ancora molto prima di finire.

1 Capel Celyn era un villaggio del Galles del nord, allagato di proposito nel 1965 per trasformarlo in una riserva d’acqua sfruttabile dalla vicina Liverpool. Qua un filmato della BBC sul paese.
2 I Tory sono il principale partito conservatore inglese.
3 Eyam è un villaggio nel Derbyshire, in Inghilterra, celebre per il suo approccio originale nei confronti di un’epidemia di peste che scoppiò nel 1665. Gli abitanti scelsero di isolarsi completamente per combattere la malattia, ma la maggior parte di essi morì entro 14 mesi.

2. CIÒ CHE LA MORTE SI LASCIA DIETRO (What Death Leaves Behind)
Ero il primo fiammifero acceso alla prima cremazione,
Tu sei la mia tomba scavata in fretta e furia, ti curerò come un sagrestano.
Se sei il coperchio di bara che mi sta venendo chiuso sopra,
Sarò un segno di peste dipinto sul tuo corpo nudo.
L’estate ha sospirato e ha chiamato la grandine,
Il Sacro Graal è a bagnare insieme agli altri piatti sporchi.
Posso essere pigro a parlare dei miei sentimenti ma voglio che tutti lo sappiano,
Che ci taglino e ci chiudano come un portmanteau1.
Restiamo a far nulla, proponiamo idee senza crederci troppo,
Tutte le streghe ridacchiano attorno al mio calderone
Riconosci le bugie che escono dalla mia lingua da poker (È vero…?)

Ci definiscono una tautologia.
Riesci a credere
A quello che cresce dai semi?
Dalle fessure escono erbacce.
È da tanto che ascolto, è la prima volta che chiamo
Non c’è bisogno di ricordarmi
Quello che la morte si lascia dietro di me

Perché devo restare sveglio a letto dal tramonto al mattino
Per la paura che ho di restare impalato su una molla di materasso errante?
In un sogno appena prima del risveglio sono finalmente diventato cattivo,
Ho vissuto la mia vita come un Super 8 quando ti era stato promesso l’Hilton2.
Proponimi un’assoluzione per i miei peccati, vengo portato a un barbecue e divento offerte bruciate.
Correggo il Libro di Giobbe per il Signore: prima modifica, la League Cup del 20043.
Noi, delicati come filigrana, ci siamo presi un posto tra la cicoria.
Il sangue del Colosseo si asciugherà al sole (È vero…?)

Ci definiscono una tautologia
Riesci a credere
A quello che cresce dai semi?
Dalle fessure escono erbacce.
È da tanto che ascolto, è la prima volta che chiamo
Non c’è bisogno di ricordarmi
Quello che la morte si lascia dietro di me.

Tastiamo il terreno, ci tocchiamo attorno indossando guanti da bambino.
La morte lascia dietro all’amore ciò che si sta lasciando dietro.
Rifioriremo, ne sono certo.
Rifioriremo.

1 Un portmanteau è una nuova parola formata dall’unione di due parole già esistenti.
2 Super 8 è il nome di una catena di hotel decisamente a basso prezzo – l’opposto dell’Hilton, uno degli hotel più lussuosi al mondo.
3 È un gioco di parole basato sulla somiglianza tra “Job” (Giobbe) e il cognome di Joseph-Désiré Job, un giocatore del Middlesborough che segnò contro i Bolton Wanderers nella finale del 2004 della League Cup inglese.

3. UN RITRATTO DEL TREQUARTISTA DA GIOVANE (A Portrait of the Trequartista as a Young Man)
È arrivato il momento di cercare rifugio, di trascinare le mie ossa via dal suo cadavere,
Ritrarre la lama infilata nel suo cuore, incidere le nostre iniziali nella corteccia
Di ogni albero in ogni bosco, con un inchiostro rosso sangue – riesci a immaginarlo?
Indossando la sua testa come cappuccio. Ucciderei per passione.

Bugie dette.

Cara, se avessi scelta scaverei nella sua gola
E corrugherei le sue corde vocali fino a fargli cantare una melodia che piaccia al Signore.
Gli farei recitare questa ballata omicida, una cupa canzone cantata da un tipo noioso.
Il sangue viene pompato attorno alle zone molli e pallide, armonizzi mentre russi.

Bugie dette.

Un giorno, quando sarò più vecchio, scriverò ogni cosa.
Un dipinto del trequartista da giovane.

Sappiamo tutti che un giorno moriremo.
Siamo un granello di polvere in un occhio che prude a Dio.
Se lo strofina e ci pulisce, ma l’amore è cieco.
Un intrecciatore di palloncini bacia un porcospino.

4. PASSI DA CIMITERO (Cemetery Gaits)
Ci siamo messi in riga, pallidi e freddi, come fette di pane tostato in un bed and breakfast.
In alto, sul ciglio di una cava di ardesia, e tu giuravi di riuscire a vedere la costa.
Pensavo di averti persa nell’oscurità ma eravamo solo a sette metri di distanza.
Ci sono più racconti sul filo del rasoio di quello sguardo di quanti ce ne siano sulla stessa linea bianca al Meurig Park.

La polvere sopra, le stelle sotto,
Guardavo la tua faccia asciugarsi al freddo del riverbero del tramonto.
Quando penseranno a noi due
Sarà chiaro che tu eri lo zerbino e io il legno di noce.

Il caso può aspettare domani, le cose vanno fatte per bene.
Le tue spalle scorrono giù dal tuo collo come fosse una bottiglia di vino, usale stasera.
Consacriamo, il mio cuore e qualsiasi decisione potrebbero spezzarsi.
Ti ricorderai di noi per il modo in cui strisciamo, ti ricorderai di noi per i nostri passi da cimitero.

L’alba arriva, veniamo svegliati da belati di pecore, una flotta di carri funebri ha riempito la strada.
Una vedova singhiozza, altre vedove piangono, noi ci intrufoliamo come un picco della vedova1.
Mi arrampico sul cenotafio2, intrattengo con la mia malinconia,
“Due parole sulla mia lapide, per favore”, non mi servono una data e un nome, basta scrivere “Una storia triste”.

Dicono di avere dalla loro i poeti, ma di che se ne faranno se finirà in rissa?
Guardo lungo la panca e riesco solo a pensare a quanto vorrei spogliarti.

1 Un picco della vedova costituisce un punto distintivo della linea dei capelli al centro della fronte.
2 Un cenotafio è un monumento sepolcrale che viene eretto per ricordare una persona o un gruppo di persone sepolte in altro luogo. La parola, che deriva dal greco, significa “tomba vuota”.

5. INCOLLAMI (Glue Me)
Le nuvole salivano, perdono bava dal cielo pensando ai problemi che causeranno
Finché il lampo non gli rompe le pance, sezioni cesaree che lavano via i pigmenti da ogni strada,
Ed è alta marea, l’acqua delle fogne si alza, e i tombini si fanno obsoleti.
Sembra che in questa città non ci sia posto per qualcosa che sembri puro come te.

Faccio colpi di testa tuffandomi, metto il mio bel viso lì dove stanno arrivando i tacchetti.
È da un po’ che cerco di mordere mele che galleggiano nell’acqua, immerso fino alla vita in un bidone infestato da squali.
La gente ride, possono pure chiamarla follia ma ci siamo incontrati perfettamente come in un tiro di Yeboah1.
Sto collezionando il mio valore sotto forma di francobolli, ma in seconda classe.

Ho sentito dire che fa male, e quindi ho detto:

Due polsi, due orologi da polso di seconda mano che ticchettano leggermente fuori tempo.
Un costante, sottile promemoria che uno di noi se ne sarà andato prima che le campane dell’altro abbiano suonato.
Avevo chiesto una stanza con vista nel bel mezzo di una guerra tra noi due.
Me ne vado con tutta la dignità di un rigore a cucchiaio2 sbagliato.

Ho sentito dire che fa male, e quindi ho detto:
“Sarò pessimista finché non mi incolleranno tra le braccia di chi mi ama”.
Lei ha sorriso alla mia battuta, ma le ho detto:
“Sarò pessimista finché non mi incolleranno tra le braccia di chi mi ama,
Finché i topi e i vermi non verranno sepolti almeno un metro e mezzo sopra di noi”.

Disegnatemi come uno dei vostri recinti, ragazze3, eretto come un paletto, coperto dalla testa ai piedi di creosoto.
Lasceremo fuori tutti i punk decaduti, ascoltateli: si lamentano, frignano, contano le note maggiori.
Sono stati banditi da tutti i bar della città, hanno usato palle da biliardo come arma.
L’asta tenuta al contrario, mossa come pala di elicottero.

Ho sentito dire che fa male, e quindi ho detto:
“Sarò pessimista finché non mi incolleranno tra le braccia di chi mi ama”.
Lei ha sorriso alla mia battuta, ma le ho detto:
“Sarò pessimista finché non mi incolleranno tra le braccia di chi mi ama,
Finché i topi e i vermi non verranno sepolti almeno un metro e mezzo sopra di noi”.

Il pubblico festeggia, sbava da ogni lato pensando ai problemi che causerà.
Riesci a sentirli cantare (In ogni stanza, dal nido alla tomba):
“Ex ragazzo, cantaci una canzone, ex ragazzo, cantaci una canzone”.

1 Il riferimento è a un famoso gol di Tony Yeboah per il Leeds contro il Liverpool nel 1995.
2 Un particolare tipo di rigore inventato dal centrocampista cecoslovacco Antonín Panenka nel 1976. Qua la sua storia e un video.
3 Qua c’è un gioco di parole basato su una frase tratta da Titanic: “Draw me like one of your French girls” (qua un video). Nel testo di Gareth, “French” diventa “fence”, cioè “recinto”. Inoltre, la Fence Records era un’etichetta discografica scozzese fondata da King Creosote, da cui il “creosoto” di fine verso.

6. COME ERBA MEDICA/LA TRISTEZZA (As Lucerne/The Low)
Non c’è blues che possa suonare tanto sentito quanto il mio.
Lo canto come un lamento alla gola del fiume, l’ho guardato far piangere le sue rive fino ad asciugarle.
Canticchio la melodia più patetica al bancone del bar con ogni tuffo che faccio,
Mando tutti i clienti a casa di corsa a rimettere le cose a posto con le loro prime mogli.

La mia prosa è viola ma non è bella come l’erba medica,
Perché nessuno ha mai desiderato dolci nulla dalle labbra di un gargoyle.
Sarò sempre un filisteo ma cara, ho voglia di imparare.
Mi hanno guardato come l’acino marcio nella vite
Mentre tu e i tuoi amici bevete Sauternes1.

(Ma sono venuto per) la tristezza,
(Per crogiolarmi) in un’oscurità che adoro davvero.

Sono l’assolo della gazza ladra, il dolore che ti fa fare il saluto.
Batto il terreno in cerca del verme che si sveglia presto2 – sono ghiotto, ma fa bene ai miei glutei.
Ero di conforto per le sirene, per l’esca sull’amo del pescatore.
L’uncino mi ha portato lontano dalla mia famiglia ma mi ha avvicinato a Dio.

1 Un celebre vino francese.
2 Riferimento alla frase fatta inglese “The early bird gets the worm“, cioè “L’uccello che si sveglia presto cattura il verme”.

7. AVOCADO, BABY (Avocado, Baby)
Non posso mettere una crocetta sul rosso, e allora la faccio sull’azzurro1
Perché è quanto di più vicino ci sia al grigio tra le categorie,
E le vene sul bianco degli occhi sono una dichiarazione di decesso.
Occhi di cerbiatto, dovresti restare a casa a leccare pile.
Mi sento il presentatore di un terribile quiz,
E gli ospiti della puntata di oggi sono celebrità.
Non colgono nessuno dei miei suggerimenti, fanno solo battute per essere notati,
Ma le risposte a queste domande significano tutto.

Avevo un amico che aveva reso un giorno della bandiera il migliore.
Avevano le mani sporche di sangue per i cocci lasciati dal dolore.
Ho avuto amici che sono crollati, le loro schiene spezzate
Sotto il peso dell’amore sbocciato nella loro cassa toracica.
Oh, non andrà meglio,
Ma non significa che possa essere peggio di così.
L’ultima stesura di una lettera d’amore lunga una vita,
Firmata dall’uomo che guiderà il tuo carro funebre.

Salacia2 è in fondo al mare, e se riuscirò ad evitare le reti
Minaccerò: “Sarò il suo amante, Nettuno”, certamente.
Ci vedremo tra il cane e il lupo, la brina sotto ai piedi,
E ti mostrerò ogni fuoco che brilla nel Delfino.

(Un cuore di pietra, la buccia durissima.
È per questo che mi chiamano l’Avocado, baby.)

Che colei che lancia la prima manciata di polvere sulla bara
Possa avere le unghie pulite dal fango dalle lingue di chi è in lutto.
Tra le tue braccia mi sentivo un uomo del rinascimento.
Libri pieni di bugie mi circondavano, e tu eri il mio banco di lettura.

Avevo un amico che aveva reso un giorno della bandiera il migliore.
Avevano le mani sporche di sangue per i cocci lasciati dal dolore.
Ho avuto amici che sono crollati, le loro schiene spezzate
Sotto il peso dell’amore sbocciato nella loro cassa toracica.
Oh, non andrà meglio,
Ma non significa che possa essere peggio di così.
L’ultima stesura di una lettera d’amore lunga una vita,
Firmata dall’uomo che guiderà il tuo carro funebre.

(Un cuore di pietra, la buccia durissima.
È per questo che mi chiamano l’Avocado, baby.)

1 Rosso e azzurro sono rispettivamente i colori del partito Laburista e di quello Conservatore nel Regno Unito. Qua Gareth si sta immaginando mentre vota a un’elezione.
2 Salacia è una dea marina della mitologia romana. Dall’unione con Nettuno, Salacia partorì tre figli: il più noto è Tritone, il cui corpo era per metà uomo e per metà pesce. Salacia si nascose da Nettuno per preservare la sua verginità, ma Nettuno mandò un delfino a cercarla. Dopo averla trovata, Nettuno lo trasformò in una costellazione come ricompensa.

8. LASCIA CHE ESCA (Let It Spill)
Sono nato in cima a una collina d’inverno, ho preso la forma di una palla nella neve vergine
E ho iniziato la mia lenta discesa poco più di 27 anni fa.
Ogni briciolo del mio amore è cresciuto, ho assorbito un altro fiocco.
Immaginate il casino che farò dopo che questa valanga mi avrà colpito.

Le mie lacrime creano una marea. Ti va di faticare in giardino per scavare un pozzo
Che raggiunga il centro della terra? Singhiozzeranno abbastanza da spegnere tutti i fuochi dell’inferno.
Ti vedo, la pala in mano, la gonna ti si gonfia sopra le ginocchia.
Invidio il suolo che riempie i suoi pori, e questa brezza perversa.

E sono pieno fino all’orlo,
Portami alla tua bocca
E lascia che esca, lascia che esca.
Sono pieno fino all’orlo,
Allago da nord a sud,
Lascia che esca, lascia che esca
E ci ricopra entrambi.
Il vento del mare non mi dà sollievo, dal molo c’è un mare minore senza di te.

Sono il Béla Guttmann1 dell’amore, condanno tutte le mie ex a una vita da zitella.
Hai liberato le colombe e io gli ho sparato per impagliarle.
Sono un disastro quotidiano, una tragedia basilare.
Ho affondato una petroliera lungo le coste della Galilea.

Mi troverai al contrario nel campanile
Perché sono un pipistrello, baby, è così.

1 Béla Guttmann è stato un allenatore di calcio e calciatore ungherese naturalizzato austriaco. È celebre per aver lanciato una maledizione al Benfica, che lasciò dopo che gli venne rifiutato un premio per aver vinto la Coppa dei Campioni nel 1962. Qua la sua storia.

9. LA VOLTA PRIMA DELL’ULTIMA VOLTA (The Time Before the Last Time)
Un ultimo pasto come ultimo gesto.
Il vino più economico, il ristorante che viene dopo il migliore.
Un ciak fatto da due braciole di maiale,
I titoli di coda scorrono prima della fine della scena.

E mentre mi stavo facendo la doccia
Ho sentito il tuo coinquilino al telefono.
Ho insaponato le mie ossa gonfie.
Ho insaponato le mie ossa gonfie.
È il suo sapone che mi fa schiumare.

Il doccino si lamentò
E mi misi a guardare il vassoio.
Figli e figlie lavati via.
Figli e figlie lavati via.
“Buonanotte, che Dio ti benedica”, diceva.

La lunghezza delle tue gambe
È metà di quella del tuo corpo.
Sopra di te, pensando a lei.
Sopra di te, pensando a lei.
Sapevo che sarei dovuto andarmene.

L’avevo già detto
E pensavo ci fossimo messi d’accordo
La volta prima dell’ultima volta.

10. DANDO CORDA (UN TUFFO AD ANGELO NELL’ESTUARIO) (Selling Rope (Swan Dive to Estuary))
Mentre mi tuffo ad angelo nell’estuario gli uccelli non sobbalzano per il mio salto.
Restano appollaiati sulle travi prima, durante e dopo: non mi notano nemmeno.

Mentre fluttuo verso l’estuario, il vento inscatola il mio corpo nel freddo.
Sento odore di benzina, vedo il fumo alzarsi assieme alle piume: la Terra è una grande palla di fuoco.

Aneddoto, menzogna
Il mio alibi
È da un po’ che scherzo,
I miei appunti sono ormai impilati.
È l’alibi che mi sono dato:
È da un po’ che do corda.

Mentre spezzo la pellicola dell’estuario, le alghe sommergono la mia forma.
Nessuna macchina di passaggio si ferma, non una singola mascella si apre mentre il mio portafogli e le mie chiavi affondano.
Uno schizzo è tutto ciò che ho lasciato a questo mondo.

Una volta ho tenuto una gazza ladra nel palmo della mano e il sangue nelle nostre vene iniziò a scorrere più veloce, proprio come avevo pianificato.
Ho un cuore pieno d’amore e una testa piena di molte altre cose tranne un pugno pieno di fili di cuciture.
E ho visto un sorriso in quel becco.

Oh, a quei tempi ero un uccello, e un giorno tornerò ad esserlo.
È da un po’ che ti do corda facendo battute.

Non c’è nastro di telescrivente, non ci sono porte perlacee,
Non c’è carnevale, non ci sono parate.
Solo una, una per il dolore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...