Home

Deafheaven-Sunbather

Resto a guardare il tuo corpo aprire un’irregolarità nella perfezione di questa San Francisco accecata dal sole, stanca e inebriata.

1. The Dream House
2. Irresistible
3. Sunbather
4. Please Remember
5. Vertigo
6. Windows
7. The Pecan Tree

1. LA CASA DEI SOGNI (Dream House)
Ostacolato da sobria irrequietezza.
Sottomesso ad una stampella d’ambra.
Il tema ricorrente nella mia prosa dolorante.
Fantastico su Manhattan, immagini nella mia mente;
Il riversarsi di quell’essere rosso e amaro fugge da una sottile cornice.
La rinascita di un amore corrisposto.
Indossare guanti per poi stendersi teneramente.

“Sto morendo.”
“È splendido?”
“È come un sogno.”
“Voglio sognare.”

2. IRRESISTIBILE (Irresistible)

-Strumentale-

3. TU CHE PRENDI IL SOLE (Sunbather)
Trattenevo il respiro e guidavo attraverso un labirinto di case da ricchi.
Guardavo quanto verdi erano gli alberi.
Guardavo i vialetti ripidi e i recinti bianchi.
Stringevo il volante.
Sudavo, a contatto con il cuoio.
Guardavo i cani contorcersi in quel giardino perfetto.
Ti guardavo, stesa su un asciugamano sull’erba che si spingeva più in là del punto in cui finivano le tue gambe.
Fissavo occhi che riflettevano la mia immagine.
Piansi contro un oceano di luce.

Paralizzato dal cuscino, affondai in lenzuola rese gelide da dita dei piedi circondate da petali di rosa.
Un brivido mi passò per la schiena quando affondasti in me le tue unghie di granito,
Disonesta e disgustosa nello spazio tra i miei denti.
Rompimi le ossa fino a renderle gialle, schiacciami le gengive e rendile sangue.
Per un debole la parte più dura è accarezzare le tue dita, circondate da anelli pieni di denti.

Sono le cinque del mattino, e il mio cuore prospera con il passare di ogni momento.

Ora e per sempre.

4. TI PREGO, RICORDA (Please Remember)

-Strumentale-

5. VERTIGINI (Vertigo)
Il mio destino è quello del servo della notte,
Quella notte in cui la tua luna sogna la polvere
E la lingua affilata della tua zelante volontà
È congruente solo con il sale nella tua bocca
E la sempre più vicina elegia funebre del mondo.
Mi sono perso tra le figure della giovinezza
E il fantasma dei tuoi dolori torna a tormentarti.
E forgiare il cambiamento non fa alcuna differenza.
I ricordi volano attraverso la maschera della tua vita
E ti proteggono dal tempo, come una corazza.
Sono gli anni che hanno dato vita al guscio che ti sei guadagnato.
Curvo e ingobbito, in un apatico dolore,
Senza alcun riguardo per i passi da compiere (tranne che per quelli indietro).
Ti sei arrampicato su una corda intrecciata nel fumo.
Una spada brandente morte ha seppellito la tua speranza.
Concentrati sulla luce che passa tra le persiane.
Sei schiavo della realtà, sotto un monarca nel cielo.
Ti sei perso tra le figure della giovinezza,
Là dove le finestre ti risplendono contro.

6. FINESTRE (Windows)

-Strumentale-

7. L’ALBERO DI NOCI (The Pecan Tree)
Sbavo rosso dai miei occhi per incontrare
L’amaro sole che splende e diventa luce.
Do fuoco a tende sperando che tu, intanto, stia sognando.
Distruggo la tomba dei ricordi e la cancello dalla tua vita.
Sono in una stanza piena di familiari ma non trovo una famiglia.
Mi sono trovato in corridoi ben illuminati ma non sono riuscito a trovare me stesso.
Il giorno che sei nato mi sono steso, ubriaco, sull’asfalto
Per celebrare tutto ciò che di buono c’era in te.
Sono proprio figlio di mio padre.
Non sono nessuno.
Non sono capace ad amare.
È nel mio sangue.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...