Home

tumblr_m8tdqjqRwm1ql5e0ao1_cover.png

Ritrovare una scatola da scarpe in soffitta dopo che la nonna se n’è andata, e trovarla piena di fotografie ingiallite. Sul retro, scritte a mano, righe e righe di ricordi.

1. Love Letter Typewriter
2. Palisade
3. Gjs
4. Unfinished
5. For Ivadell
6. Walking to Winter
7. A Letter
8. Sounds Like Sunday
9. &Serenading
10. The Last Word Is Rejoice

1. LETTERA D’AMORE SCRITTA A MACCHINA (Love Letter Typewriter)
L’estate si è spiegata come un arazzo,
E tu c’eri, come ci sei sempre stata.

Splendevi là, dove il cielo incontra gli alberi
E l’aria si gloria leggera, addormenta le paure con il suo canto.

Ti renderai mai conto di quanto ti amo per quello che hai fatto?
Ti renderai mai conto di quanto ti amo?

2. PALIZZATA (Palisade)
Ed eccomi là, a quattordici anni, a girare su me stesso
Con le braccia aperte, come uno spaventapasseri.

Camminavo lungo la Monroe fino al parco,
Ballavo lungo la Madison.

Tenevo gli occhi chiusi e i tuoi piedi
Avevano il suono di una sinfonia d’archi.
Mi abbracciasti, mi alzasti e sussurrasti “Per sempre”,
Come un segreto, nelle mie orecchie.
E adesso…

3. GJS (Gjs)*
Mi svegliavi la mattina
Per dirmi, “Si è alzato.”
E io rispondevo con un sorriso,
“Sì è proprio alzato.”
E un qualche modo te ne andavi dalla stanza
Sembrando viva di verità e bellezza,
Ti muovevi come se sapessi
Che è tutta una questione di tempo.

Dissi, “Ma forse stavolta sono troppo in basso.
Sono troppo orgoglioso per sperare, troppo debole per arrampicarmi.”
Ma tu mi bucavi con il tuo sguardo
E sapevo che avevo finito.

E posso farlo,
Tu muoviti come se fossi sicuro di quello che stai facendo,
Come se i punti si fossero sciolti
E come se le ferite si rimarginassero con il tempo.
Le tue parole sono gigantesche di fianco alle mie,
E i tuoi pensieri sono giganteschi.

Posso solo sperare, un giorno,
Di riuscire ad assomigliarti
Anche nel modo più piccolo.
Spero solo che
Tu possa essere orgoglioso di me.

* Sono iniziali, probabilmente del padre di Chris Simpson.

4. INCOMPIUTO (Unfinished)
Vorrei che potessi appoggiare il tuo orecchio al mio cuore
E ascoltare quanto ti amo.

Sogno ancora dicembre,
Come ballavamo con anelli attorno alle dita.

E i due diventeranno.

5. PER IVADELL (For Ivadell)
L’Ivadell che tieni in braccio è la stessa che tenevi quel giorno.
Ma guarda com’eravamo piccoli, io e Matthew.
Tu, così forte e piena di grazia.

Che storie possono raccontare queste foto!
Giorni in cui ci lasciavamo bagnare dalla luce del sole.
Ovunque, la medicina che sono le risate.

Ivadell, quel giorno ti tenni nei miei pensieri.
E sperai che le tue braccia restassero forti anche da debole,
Anche quando te ne saresti andata da qua.

Che storie raccontavano i tuoi dipinti ai ragazzi!
Colline troppo ripide da scalare su cui eri salita
E cuori che non avevano paura
Di sbattere le ali e volare.

Ma ora sei al sicuro, respiri senza fatica
Là dove una nuova pioggia cadrà su di te,
E tutte le tue paure si romperanno (come le onde
Si ripiegano su sé stesse per poi scomparire nel mare).

6. CAMMINANDO VERSO L’INVERNO (Walking to Winter)
D’inverno, quando l’aria si fa fredda,
E il respiro fa apparire fantasmi bianchi.

Accendono la città con alberi di Natale
E fili tesi da una parte all’altra della strada,
Da palo del telefono a palo del telefono.

E quindi quando sto tornando a casa in macchina, la notte,
Stanco, frustrato e messo alle corde dalle paranoie
Mi ricordo il tuo amore,
E il fatto che non cambierà mai,
E né svanirà o morirà,
A differenza di queste cose.

7. UNA LETTERA (A Letter)
E là c’è sempre una foto di tu e lei,
Appena tornati a casa da una vacanza al mare.
E sembravi un marinaio,
Con un’ancora tatuata sul braccio,
I capelli tirati indietro con la brillantina,
Una faccia consumata da posti e giorni che non avevo mai visto.

A volte, leggo e rileggo
Quel biglietto d’auguri che mi mandasti
Per i miei sette anni.
E so che non splenderanno mai
Come facevano quel giorno,
Quando ti tirammo aereoplanini di carta
Mirando alla tua testa
E tu eri in ginocchio, e ridevi.

8. SEMBRA DOMENICA (Sounds Like Sunday)
Il tempo non guarisce sempre.
Semplicemente, respira e ingoia ricordi.
Come cambiano le stagioni –
Mandano acquazzoni, abbattono fiori
Nel fango.
E nulla è per sempre in un posto come questo.
Nulla tranne il modo in cui il mio cuore si incastra nelle tue mani,
Il respiro che la speranza trattiene
E il dolce, costante sapore di grazia.
Siamo stati fortunati a piangere oggi,
Perché un giorno rideremo. E come rideremo.

9. &SERENATA (&Serenading)
Verrai? E che cosa ti dirò?
Sono stato così distante e infelice.
Come se potessi scomparire.

Quand’ero piccolo vedevo cose
Che nessun altro vedeva.
E allora perché a ventidue anni, cieco,
Non vedo la speranza che mi circonda
E riempie questa stanza?

In strada, da solo,
Aspetto che le parole cadano dalla tua lingua
Nelle mie orecchie.

Quand’ero piccolo riuscivo a sentire
Sinfonie nelle conchiglie.
E allora perché a ventidue anni, sordo,
Non sento il suono della neve che cade
E mi porta a casa, da te?

10. L’ULTIMA PAROLA È ‘GIOISCI’ (The Last Word Is Rejoice)
Come potrò bere da quel ruscello?
Come farà il mio cuore a cantare la tua lode?
Come farò a stendermi su campi d’erba verde
Se la mia anima ha così tanta paura?

Gioisci.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...