Home

between-the-heart-and-the-synapse-extralarge_1190769433014

Procurerò alla mia mano la felicità di toccare la sua. Il mio cuore ha amato prima d’ora? Smentitelo, occhi miei! Non avevo mai veduta, fino a stanotte, la vera bellezza.

1. Prologue
2. Planning a Prison Break
3. The Rival Cycle
4. The Evidence
5. The War of All Against All
6. …Then I Defy You, Stars
7. Intermission
8. This Armistice
9. Broadcast Quality
10. Flee the Factory
11. Dead Men Tell No Tales
12. Venona
13. Epilogue

1. PROLOGO (Prologue)

-Strumentale-

2. PIANIFICANDO UN’EVASIONE (Planning a Prison Break)
Il custode sta chiedendo la chiusura, baby,
Farà appello a provvisorie iniquità.
Questa è l’ultima notte che passerò nel mio corpo;
Aiutami a fuggire.
Il custode sta chiedendo un’evasione, baby,
Volerà come solo un avanzo di galera può volare,
Volerà come solo un avanzo di galera può volare.

Come un criminale, cadde in scandali,
Truffe e piani generali
Per superare in furbizia ogni circostanza.
Pensò con la sua gola:
“Possiamo ingoiare questa chiave e andarcene quando vogliamo”.
Speriamo che questo stomaco, stomaco,
Speriamo che questo stomaco non sia d’accordo.

Il custode sta chiedendo la chiusura, baby,
Farà appello a provvisorie iniquità.
Questa è l’ultima notte che passerò nel mio corpo;
Aiutami a fuggire.
Il custode sta chiedendo un’evasione, baby,
Volerà come solo un avanzo di galera può volare,
Volerà come solo un avanzo di galera può volare.

“Fuggi senza lasciare traccia,” disse,
A braccia aperte,
Per assistere il collo di lei.
Venne attirato con un masochistico bacio,
Avrebbe voluto essere ovunque, ovunque tranne che lì.

Il custode sta chiedendo la chiusura, baby,
Farà appello a provvisorie iniquità.
Questa è l’ultima notte che passerò nel mio corpo;
Aiutami a fuggire.
Il custode sta chiedendo un’evasione, baby,
Volerà come solo un avanzo di galera può volare,
Volerà come solo un avanzo di galera può volare.

A braccetto (Potrebbe essere ovunque)
Camminiamo a braccetto (Ma non qua, non qua)
All’aria aperta (Potrebbe essere ovunque)
Perché tutto ciò che abbiamo fatto non sia stato invano. (Ma non qua, non qua)

Il custode sta chiedendo la chiusura, baby,
Farà appello a provvisorie iniquità.
Questa è l’ultima notte che passerò nel mio corpo;
Aiutami a fuggire.
Il custode sta chiedendo un’evasione, baby,
Volerà come solo un avanzo di galera può volare,
Volerà come solo un avanzo di galera può volare.

Il custode sta chiedendo la chiusura, baby, (In qualche modo,)
Farà appello a provvisorie iniquità. (Per ora,)
Questa è l’ultima notte che passerò nel mio corpo; (Mi dovrò accontentare di questa pelle.)
Aiutami a fuggire.
Il custode sta chiedendo un’evasione, baby, (In qualche modo,)
Volerà come solo un avanzo di galera può volare, (Per ora,)
Volerà come solo un avanzo di galera può volare. (Mi dovrò accontentare di questa pelle.)

Questa è l’ultima notte nel mio corpo, yeah.

3. IL CICLO RIVALE (The Rival Cycle)
Mentre i cuori abbandonando le città sullo sfondo
E mentre denti appuntiti scavano in profondo,
Aprendo nuove ferite per vecchie cicatrici…
Colpito da insonnia,
I miei polmoni malati insistono nel respirare con difficoltà.

E il conduttore sta conducendo (Il conduttore sta conducendo)
Elettriche misure,
E cado nel ritmo, (Cado nel ritmo)
E la mia vita è un ritmo.
E i miei piedi improvviseranno,
(I miei piedi fuori tempo, i miei piedi fuori tempo)
Mentre muovo confusamente il ginocchio al ritmo di un rubinetto che perde.

Sarai sotto copertura, al riparo (Sguardi ricoperti di cemento che inseguono labirinti costruitisi da sé)
Dormirai insieme al nemico (Vi supererete l’uno con l’altra, abbandonando aureole future)
Questo è ciò che ci piace chiamare (Ammanettato e legato dalle tue stesse parole)
“Spionaggio interno”.

Cercando una ragazza,
Colpito da insonnia,
Tra figure paterne disegnate su un cartone da latte.
Le mie vene stanno pulsando
Al ritmo di un jazz improvvisato
Verso le estremità di una penisola.
Le punte delle mie dita tamburellano
Poliritmi, come nervosi frammenti emessi da una bocca nervosa,
E queste parole definiscono la cadenza
A cui segue la cruda interpretazione di testi e codici
Che allevano pixel senzatetto,
Risiedono nella mia mente, risuonano nei miei occhi.

Quindi colpisci quest’afflizione d’amore,
Abbandona il ferito rovesciato;
Agita le braccia per arrivare in superficie,
Invano, per far galleggiare questa sventura.

Esiti a provare ciò che ti sembra meno interessante,
Abbandona il ferito rovesciato;
Agita le braccia per arrivare in superficie,
Invano, per far galleggiare questa sventura.

4. LA PROVA (The Evidence)
È la conseguenza dell’informazione privilegiata.
Puoi scappare, puoi nasconderti,
Ma la luce troverà comunque la strada
E appassirà.

Tormentati e tormentanti, veniamo tutti seguiti
Da ombre di martiri e mercenari.
Malati di informazione,
Plagiati da ciò che sappiamo.

Brucia la prova; può far iniziare un processo
È abbastanza grave da farti incriminare.

Lungo il vuoto corridoio che porta all’obitorio
È chiaro, hai ciò che vogliono e ti troveranno.
Tormentati e tormentanti, veniamo tutti seguiti
Plagiati da ciò che sappiamo.

Brucia la prova; può far iniziare un processo
È abbastanza grave da farti incriminare.

È solo una questione di tempo prima che se ne accorgano.
È solo una questione di tempo, giovanotto.

Le sue dita, come ragni, tesserono una ragnatela da cui il mio corpo non riuscì a liberarsi.

Brucia la prova; può far iniziare un processo
È abbastanza grave da farti incriminare.

È solo una questione di tempo prima che se ne accorgano.
È solo una questione di tempo, giovanotto.

5. LA GUERRA DI TUTTI CONTRO TUTTI (The War of All Against All)
Fate finta di essere in vita, signori,
O fingete le vostre morti; le ferite, svestite sotto i vostri costumi.
Alcune sono state provate così bene
Che il dolore provato è come quello portato da un carro funebre,
Sempre le prime a sventolare la bandiera bianca
E a barricarsi dietro falsa finzione, come volpi rifugiate in trincee.
Vittime forgiate con occasionali suppliche,
Muoiono per soddisfare il nemico;
Moriamo per restare in vita, uccidiamo per sopravvivere.

Siamo soldati ma non siamo altro che cadaveri,
Siamo armati e pronti al combattimento.
Portate tutti i cavalli e tutti gli uomini del re.

Continuate a spingere, a camminare con passo pesante,
Queste gambe, come pistoni, pompando ci spingono avanti,
Siamo uomini convalescenti in uniforme.
Siamo caduti sotto fuoco amico, gli shrapnel ricoprono di lentiggini le nostre spine dorsali.
E i nostri piedi continuano a cadere, uno dopo l’altro.

Siamo soldati ma non siamo altro che cadaveri,
Siamo armati e pronti al combattimento.
Portate tutti i cavalli e tutti gli uomini del re.

Venimmo indotti a condurre amanti, marciando a ritmo, a ritmo.
Venimmo indotti a condurre amanti, baciavamo così bene…

Il cannone sta chiamando il nostro nome,
La sento cantare per me
In codice morse:
“Questa è la nostra rivoluzione!
All’armi! All’armi!
Questa è una rivoluzione!”

Siamo soldati ma non siamo altro che cadaveri.
Siamo armati e pronti al combattimento.

6. …ALLORA IO VI SFIDO, O STELLE! (…Then I Defy You, Stars!)
Le apparizioni ballano un tango al suono del battito dei loro tacchi.
Una processione di arti protesici e manichini.
Perfetti modelli di imperfezione
Dal midollo di cellofan.

Indossa il tuo vestito migliore,
Inspira e non espirare.
Oh, Giulietta! Oh, Giulietta!
Rinnega il tuo nome, tuo padre.

Risistema le cellule che formano la mia pelle
E guardale attraverso occhi di caleidoscopio
Perché chiunque finge, prima o poi.

Offusca la tua vista,
Romeo.
Piega le linee,
Romeo.
Ti piace ciò che vedi?
Oh, Romeo…

Dove sei?
Ti ho preparato questa pelle, questa tela;
Ho dipinto qualcosa di colorato solo per te.
Questa chirurgia auto-inflitta è ormai solo routine,
Cancella ogni traccia delle facce che noi tutti abbiamo conosciuto e posseduto.

Stendetemi lungo questo scheletro di due pollici per quattro.

7. INTERMEZZO (Intermezzo)

-Strumentale-

8. QUESTO ARMISTIZIO (This Armistice)
La tua disgustosa falsificazione di finzione potrebbe annoiare,
E nonostante ciò continuo a cadere vittima di una sintassi omessa,
Mi vergogno di qualcosa che potrei comprendere.
Così, sereno, premo al suono degli organi
Che stanno suonando le loro canzoni più convincenti,
Una serenata alla parata di parti corrotte.

E ora l’ultima cosa di cui dobbiamo discutere sono
I dettagli di questo armistizio.
Siamo giunti a questo accordo…

Controlla i miei organi vitali.
La verità è vile, ma è vitale per questa causa.
Sono stato tenuto ostaggio;
Un prigioniero di questo passivo guscio.
Dammi gravità, dammi chiarezza,
Dammi qualcosa su cui poter contare…

Siamo tutti pupazzi (Ditemi chi sta tirando i fili),
Siamo tutti marionette.
Siamo tutti pupazzi (Ditemi per chi vi state muovendo),
Siamo tutti marionette.

Queste parti del corpo sono parte di un piano
Che mi è passato tra le mani,
Le mie mani tremano in strette,
Abbandonate dai miei arti.
I miei arti cantano gli inni,
Gli inni di un tiranno in un Pantheon fatiscente
Mentre gli abitanti alzeranno i pugni al cielo chiedendogli di abbandonare le armi.

Controlla i miei organi vitali.
La verità è vile, ma è vitale per questa causa.
Sono stato tenuto ostaggio;
Un prigioniero di questo passivo guscio.
Dammi gravità, dammi chiarezza,
Dammi qualcosa su cui poter contare…

Siamo tutti pupazzi (Ditemi chi sta tirando i fili),
Siamo tutti marionette.
Siamo tutti pupazzi (Ditemi per chi vi state muovendo),
Siamo tutti marionette.

E ora l’ultima cosa di cui dobbiamo discutere sono
I dettagli di questo armistizio.
Siamo giunti a questo accordo…

Oh, come sono cresciuti i miei denti (Ditemi chi sta tirando i fili)
Alla luce dei tuoi inganni.
Hai causato questo collasso, (Ditemi per chi vi state muovendo)
Tra il cuore e la sinapsi.

Siamo tutti pupazzi.
Siamo tutti marionette.
Siamo tutti pupazzi.
Siamo tutti marionette.

Fili e giunture ci terranno insieme…
Fili e giunture ci uniranno.
Fili e giunture ci terranno insieme…

9. QUALITÀ DI TRASMISSIONE (Broadcast Qualiy)
Come sapevi che mi avresti trovato qua?
Sicuro di te camminasti in punta di piedi al suono
Di cavi intercettati ed informazioni riservate.
Questo destino manifesto che pensi di potermi donare,
Un’epidemia attraente che intriga anche le menti più ottuse.

“Ripara i tuoi occhi spezzati guardandomi”, disse,
Avvolgendo le sue braccia attorno alla mia testa.
Ma il suo polso era come una corda,
Come una corda che mi graffiava il collo,
E le sue dita, come ragni,
Tesserono una ragnatela da cui il mio corpo non riuscì a liberarsi.

E all’alba della battaglia farò riposare queste braccia,
Le mie coordinate subordinate si sono finalmente costituite,
Trasmesse, codificate? I miei cifrari sono erosi.
Ormai vivo tra onde radio grazie a me.

Mentre il loro segnale controllava la qualità di trasmissione.

Le sue dita, come ragni,
Tesserono una ragnatela da cui il mio corpo non riuscì a liberarsi.

10. FUGGI DALLA FABBRICA (Flee the Factory)
Si sperava avrebbero infranto il brevetto fondendomi con calma.
Solo un semplice, vuoto campione d’acciaio,
Con vene ricoperte di rame, un freddo cuore idraulico,
Un soffietto che manda in ciclo aria ritmicamente, ritmi fissati nel mio codice.

È più facile inchinarsi che tenere chiuse queste ginocchia,
Come i rivetti nella mia pelle.
Il mio battito riverbera attraverso questo malleabile guscio,
Formandosi grazie a ferite.
Il mio battito riverbera attraverso questo malleabile guscio,
Formandosi grazie alla rottura dell’involucro.

Le mie interiora bloccano i loro ingranaggi,
Si contorcono, abrasive, sono così conducente.
È sempre stato un compito così semplice.
I miei tendini tendono ad arrugginire col tempo mentre i fili invertono la loro corrente,
Così fuggirò dalla fabbrica e ti pregherò di smantellarmi.

È più facile inchinarsi che tenere chiuse queste ginocchia,
Come i rivetti nella mia pelle.
Il mio battito riverbera attraverso questo malleabile guscio,
Formandosi grazie a ferite.
Il mio battito riverbera attraverso questo malleabile guscio,
Formandosi grazie alla rottura dell’involucro.

Che qualcuno trovi il mio creatore; mi sto disfacendo.
Mi cauterizzerò, ricostruendomi, ancora una volta.

Il mio battito riverbera attraverso questo malleabile guscio.
Il mio battito riverbera attraverso questo malleabile guscio.

11. I MORTI NON POSSONO PARLARE (Dead Men Tell No Tales)
Sarò i residui di sale dell’acqua che cola dai tuoi occhi,
La puntura che brucia le tue ferite aperte.
Allagherò il terreno, lo giuro sulla tua tomba, seppellirò questa città
Ma non lo farò per me, no, non lo farei mai per me,
No, non per me, mai.

Abbiamo messo alla prova la galleggiabilità della lealtà,
Hai lasciato i nostri polmoni come mense,
Hai lasciato le nostre caviglie come ancore.
Pensavamo che avessi le braccia legate dietro la schiena
Ma le tue mani erano legate da elastici.
Nuoti, abbandonato alle correnti.

Abbandonate la nave! Mayday!
Nuotate verso la riva!
Il nostro capitano è a mare!
Ha fatto buchi nelle assi
Per allagare la stiva prima di ritirarsi.
Abbandonate la nave!
Nuotate verso riva!
È a mare e troppo annoiato.

Ma in fondo siamo noi a condurre questo orfanotrofio di legno galleggiante,
Questa fuggevole flotta di un marinaio di seconda mano.
Il capitano è a mare e troppo annoiato,
Il capitano, il capitano ci sta chiamando.

E non c’è nulla che puoi fare quando l’acqua rovina le mappe che avevamo disegnato.
Mayday! Mayday! Mayday!
Salvateci da questo vascello che affonda!

12. VENONA (Venona)
Stanno aspettando pazientemente,
Portatemi via da questa situazione,
Questo mare di anime senza viso in giacca e cravatta.
Una visione per occhi simili a pollici:
Stanchi, piegati, inchinati e sollevati.

Tu! Sei!
Sei stato scoperto.

I tuoi occhi ti descrivono bene.
Suonano il requiem
Alla sepoltura della mia bara chiusa.
La tua cospirazione
Per consegnarmi alle autorità.
Sono stato tradito così graziosamente.

I miei segugi stanno seguendo una pista d’inchiostro
Che mi ha condotto alle parole che hai scarabocchiato,
Un necrologio che mi hai dedicato.

Potrei anche essere cieco con questi miei occhi isolati.

Le tue dita sono amanti nati sotto cattiva stella che non riescono a stare separati.
Questo dialetto-pantomima non mette in pratica ciò che predichi,
Non mette in pratica ciò che predichi,

13. EPILOGO (Epilogue)
Questa è l’ultima notte che passerò nel mio corpo, yeah.
In qualche modo, per ora, dovrò adattarmi a questa pelle.

Oh, come sono cresciuti i miei denti
Alla luce dei tuoi inganni.
Hai causato questo collasso,
Tra il cuore e la sinapsi.

Ditemi chi sta tirando i fili,
Ditemi per chi vi state muovendo.

Siamo tutti pupazzi.
Siamo tutti marionette.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...