Home

sungiant

Canto delle mondine: “Quaranta giorni che dormo sulla paglia / o che vita di canaglia / sul pagliericcio duro duro duro / e la paglia la mi punge il culo.”

1. Sun Giant
2. Drops in the River
3. English House
4. Mykonos

1. IL GIGANTE SOLE (Sun Giant)
Che vita faccio d’estate!
Che vita faccio di primavera!
Che vita faccio alla brezza ventosa,
Che vita faccio di primavera!

Che vita faccio quando il sole si libera,
Come un gigante strappato dalle nuvole.
Che vita, eccome, quando quell’antico seme
È una bacca annaffiata e arata.

Che vita!
Che vita!
Che vita!
Che vita!

Che vita faccio d’estate!
Che vita faccio di primavera!
Che vita faccio alla brezza ventosa,
Che vita faccio di primavera!

2. GOCCE NEL FIUME (Drops in the River)
Corona di foglie, alta alla finestra in un mattino dorato.
Giovane oggi, vecchia come una ferrovia domani.
I giorni sono solo gocce nel fiume e sempre si perderanno.
Solo tu, solo tu, tu lo sai.

Anni fa, uccelli di piuma arrivavano di notte
Ma se ne andarono, sai, aggrappandosi a un altro come fa l’edera.
Sulla spiaggia, parla all’oceano e ricevi silenzio
Solo tu, solo tu, tu lo sai.

Qua, mentre le caverne dei miei ricordi svaniscono, mi aggrapperò al primo.
Dici che non mi rivolgerò ad un altro, in questa lunga notte che abbiamo trascorso assieme.
Lascia perdere.

Solo tu, solo tu, tu lo sai.
Solo tu, solo tu, tu lo sai.

Parlami lentamente cara, qua non c’è nemmeno il fantasma di una corsa.
Sono felice di essere solo, al silenzio e con le idee chiare, qua tutto è solo.

3. CASA INGLESE (English House)
Vai là, con i tuoi due piedi scalzi,
Lungo il freddo sentiero per Brighton .
Là vivono una casa di campagna, un bugiardo e un verme.

Vai con le braccia aperte,
La felicità negli occhi, entra e siediti.
Passaci la notte, spegni la luce se è accesa
E seppelliscili per me.

Oh amore mio, oh amore mio.
Oh amore mio, oh amore mio.

Lingue, proprio come una creatura.
Attirata dalle fragili gambe, continui a camminare.
Un freddo vento soffia sulla costa per me.
Il freddo vento soffia sulla costa per me.

Oh amore mio, oh amore mio.
Oh amore mio, oh amore mio.
Oh amore mio, oh amore mio.
Oh amore mio, oh amore mio.

4. MYKONOS (Mykonos)
La porta si chiuse con un forte rumore e ci mandò addosso una nuvola di polvere.
Poi dei passi, giù per il vuoto suono, strappato.

E andrai a Mykonos
Aspettandoti una costa delicata
E un sole che forse dissolverà
Le ombre dei problemi che hai causato.

Come ho fatto a trovare ogni buco nei pini dalle punte innevate
Che nascono tutta notte dal seme della tua mente magra?

E andrai a Mykonos
Aspettandoti una costa delicata
E un sole che forse dissolverà
Le ombre dei problemi che hai causato.

Fratello, non c’è bisogno di mandarmi via.
Stavo aspettando là, sotto l’antica porta.

Vai
Ovunque andrai oggi,
Andrai oggi.

Ricordo come ti buttarono giù
Mentre l’inverno colorava il prato di marrone.

Vai
Ovunque andrai oggi,
Andrai oggi.

Quando uscirai per una passeggiata, fratello, non dimenticare
Che non troverai poi molto spesso un amico.

Vai
Ovunque andrai oggi,
Andrai oggi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...